Impegnativa due giorni di judo quella  in onda l’undici e dodici Maggio presso il palazzetto dello sport  di Brescia che ha visto impegnati centinaia di atleti under 21 provenienti da tutta la penisola.  In palio i titoli tricolori juniores.  Ai nastri di partenza gli atleti che avevano superato le fasi di qualificazione regionali e quelli in cima alla ranking list nazionale.  Per questi tricolori il Budokan Institute ha visto impegnati due Atleti: Andrea Bertuzzi, qualificato grazie al punteggio favorevole nella ranking list nazionale e Leonardo Cittadini  grazie al titolo di Campione regionale conquistato un mese fa a Riccione, seguiti in gara dal Tecnico Federale Gianpiero Donati. Leonardo, al primo anno nella classe junior, sia pure protagonista di un bell’incontro, non supera il siciliano Antonio Polmo (che marca waza ari sul bolognese atrenta secondi dalla fine del match), a sua volta battuto dal toscano Mattia Martelloni: quindi niente lotta per le medaglie per l’Atleta bolognese. Parte meglio Andrea Bertuzzi in una categoria con settanta atleti a contendersi il titolo. Vince agevolmente (ippon di sode tsuri komi goshi) con Giulio Bartalucci dei Vigili del Fuoco. Incrocia poi le prese col torinese Federico Cuniberti (che poi vincerà il titolo). Molto duro l’incontro che vede impegnati i due forti atleti. Solo a quaranta secondi dal termine, l’atleta dell’Akyama riesce a marcare waza ari e si impone sull’Atleta bolognese. Andrea finisce nei gironi per la lotta al bronzo dove si aggiudica il primo incontro con Francesco Piergiovanni. L’incontro successivo lo vede perdente col parmense Leonardo Valeriani (anch’egli battuto da Cuniberti) che conquisterà poi il bronzo. Un nono posto che avrebbe potuto valere una medaglia se gli accoppiamenti non avessero messo Andrea (in pieno recupero dopo uno stop dovuto ad un infortunio) in una pool molto dura che lo ha portato al confronto col primo  e il terzo del Campionato Italiano 2019.

 

Condividi i nostri contenuti su:
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *